La mezz'ora più imbarazzante della mia vita

Domenica 27 maggio 2012, 1:25 - 1:55
La mezz'ora più imbarazzante della mia vita è andata in onda stanotte.

Con ordine.
Sabato, 21:30. Pronta, vestita truccata e addirittura coi tacchi (e le ballerine in borsa) vado in piazza dove alle 9 e mezza devo trovarmi con amici di fratello per andare insieme in un locale dove fa la festa di compleanno, dato che lui è già là con altri. L'obiettivo è trovarsi, dividere le macchine e partire subito per essere lì sulle 10 e un quarto. Sono ovviamente la prima.
22:10. Sono arrivati tutti. Dopo caffè e Sambuche varie partiamo. Siamo in 8: tre coppie, io, l'amico scemo. Io devo andare su con la mia macchina perché sono l'unica che poi torna indietro e non va in discoteca (cioè, nonostante sia la più giovane del gruppo sono l'unica convinta che le discoteche debbano essere lasciate ai 18enni, vabbè). Mi viene appioppato l'amico scemo che porello, è rimasto scemo dopo 2 incidenti abbastanza gravi ma soprattutto anni e anni di droga, quindi porello un cazzo.
22:50. Arriviamo. Il posto tanto osannato è a 30 metri dalla sabbia, quasi un chiosco, però coi mobili moderni. La voglia che non ho io di lasciare tutti là e andare a camminare sulla sabbia e mettere i piedi in acqua. Invece no: Ma tu non bevi? - No devo guidare. Vodka alla menta, Sambuca, Brugal gli altri. Aspetta che assaggio la Schweppes, madonna che schifo, mi porti un po' d'acqua? Le pizzette, il cocco, le fragole, l'ananas, le crocchette di pollo, la torta. Andiamo in discoteca, Mic tu torni a casa allora? Puoi portare a casa CSHGSGGASRRR che lui non viene? -Chi? Sì sì occhei, è uguale.

Domenica, 1:20. Sto andando verso il parcheggio e Michelaaaa, io vengo con te, ti aspetto qua! Cazzo. Cazzo, cazzo, cazzo. Tra le ventordici persone che c'erano e con cui  ho poca confidenza proprio lui.
Lui.
Christian.
 

L'amico di fratello che ho amato - il diario che tenevo insieme alla mia migliore amica mi è testimone - dai 13 anni e per tutta l'adolescenza. Era anche nell'ultima pagina del diario, quella destinata ai grandi fighi
Era bellobellobello, un po' basso, con i ricci biondi e gli occhi azzurri e sempre sorridente, il casinista della compagnia. Sono passati più di 10 anni e lui è sempre basso, non ha più i ricci ma i capelli rasati, è ancora sempre sorridente. Mi sono resa conto che non è bellobellobello ma solo carino, però è Lui. Io sono cambiata, mi sono cresciute le tette (poche), e ho iniziato a portare le lenti a contatto invece degli occhiali, ma in realtà non è cambiato niente. Christian, ti amo ancora come se avessi 14 anni.

1:25. In macchina: io guido, lui seduto accanto. Come mai non sei andato in discoteca? -Non mi va, non mi piace e poi domani ho da fare e non posso essere rincoglionito. È il cd di Noel Gallagher questo? -Sì. -Bello, non l'ho ancora ascoltato tutto. Io guido, lui seduto accanto. Christian dove devo girare qua che non mi ricordo? -A destra per andare a casa, sinistra camporella. 
Immagino nella mia testa la scena di me che giro a sinistra, lui che si volta a guardarmi, io che lo guardo velocemente, lui che sorride, io che parcheggio, lui che mi bacia, io che... no vabbè, basta. Invece giro a destra, perché lui scherzava perché scherza sempre. Perché io non sono una capace di fare queste cose. Perché lui ha la morosa da 2-3 anni. 
I venticinque minuti successivi sono una tortura. Il silenzio dei silenzi coperto da Noel che canta e una frase ogni tanto che cade nel vuoto. Arriviamo al paese. Puoi fare il giro largo che vedo se al solito posto c'è la pattuglia? Così so se devo fare l'altra strada per andare a casa, perché hanno ritirato un sacco di patenti. Faccio il giro largo, è un piacere allungare di un chilometro questa piacevole sensazione. Lo lascio davanti alla sua macchina, mentre cerca la chiave nelle tasche io sono già partita.

Per oggi ho di nuovo 15 anni, da domani torno a 26.

25 commenti:

  1. Dovevi girare a sinistraaaaaa!!!!! :)

    RispondiElimina
  2. Che belli i quindici anni. Anche io ho avuto le mie cotte mostruose, di quelle che, non li riesci manco a guardare in faccia per quanto li "ami".
    Cmq concordo, DOVEVI GIRARE A SINISTRA! :D

    RispondiElimina
  3. nuuuuuuuo a sinistra dovevi andare!!!

    RispondiElimina
  4. aahh che belle queste sensazioni da "pugno nello stomaco:saranno le farfalle o tutto quello che ho bevuto" :D stimaa!!la prossima voltaa a sinitraa!!:)
    se ti va passa anche da mee!:)
    http://fragolinaperdovere.wordpress.com/

    RispondiElimina
  5. ahuahauahau bellissimo! Io avrei girato a sx. Buttandola sul ridere, ma l'avrei stuzzicato un pò, giusto per vedere fino a che punto sarebbe andato.... e poi che lui abbia la morosa, è un problema suo. Dopotutto sono 11 anni che aspetti. 'fanculo! ^_^

    RispondiElimina
  6. Ti ha fatto anche allungare di un km! Ci stava provando tantissimo!!

    RispondiElimina
  7. sarò ripetitiva ma per scherzare una sterzatina a sinistra per vedere la reazione non sarebbe stata male! :-)

    RispondiElimina
  8. MITICA.
    Io e te, separate alla nascita.
    Anche io il quadernetto con Amica Sara, mia attuale parrucchiera.
    Capisco ma sai che ti dico? CI DEVE PROVARE LUI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh ma finalmente, credevo di essere l'unica deficiente. Che storia è che devo essere io a farmi avanti? Non esiste.

      Elimina
    2. Penso che ormai siamo rimaste in poche a pensare "ci deve provare lui". Ormai sento ragazzi che dicono perchè ci devo provare io? se vuole lo fa lei. Ma stiamo scherzando? :/

      Elimina
  9. A casa mia c'è il divieto di svolta a destra! Su su su!

    RispondiElimina
  10. No ma la parte in cui ti siedi sul sedile "dove si è seduto lui" mi ha ricordato quel pomeriggio che Andrea, l'amicodimiofratello, era a casa mia e io gli ho offerto delle caramelle da un sacchetto. Ho conservato quel sacchetto e nei tristi pomeriggi preadolescenziali ci infilavo la mano dentro pensando "odddeeeo, qui ha infilato la mano Andrea!". Cioè, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, che tenerezza: tu con la mano nel sacchetto e io seduta dentro la Panda ♥

      Elimina
  11. No ma scusa, vorrei vedere voi cos'avreste fatto al posto mio, non ci credo neanche un po' che avreste tutte girato a sinistra.

    RispondiElimina
  12. mi hai fatto tornare ai miei 14 anni.. oddio che imbarazzo!!!

    RispondiElimina
  13. E' dolcissimo questo post. Ogni tanto non fa male tornare adolescenti:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono ancora adolescente dentro :)

      Elimina
  14. ...la mezz'ora più imbarazzante della tua vita...FINORA !!...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusa, non ho resistito, è una battuta di Omer Simpson !!;))
      GG

      Elimina
  15. Si, è una di quelle situazioni imbarazzanti al 100% e in cui se si cerca di rompere il ghiaccio con qualche battuta è anche peggio...!
    Però dovevi girare a sinistraaaaa!!!! :D

    RispondiElimina
  16. Oddioooo che angoscia mi hai fatto venire!!! ç_ç

    RispondiElimina
  17. ...non sono l'unica che ti ha detto che dovevi girare a sinistra!! la zan.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...