No niente, non lo so

Ho pubblicato un post ogni 2-3 giorni più o meno dalla metà di febbraio, una bella media. Non che mi interessi la frequenza con cui scrivo, non ho un "pubblico" da tenere sempre lì in sospeso. Ragionavo sul modo in cui tratto questo blog: passo settimane e mesi senza scrivere, poi mi prende l'ispirazione e butto giù 5-6 post alla volta, tutti insieme nel giro di un'ora e li programmo. Così sembro una che al blog ci va dietro, una blogger vera. Solo che poi succede che poi arriva un commento e lo leggo subito, perché mi arriva la notifica via mail e penso a questo devo rispondere, ma rispondo tra un po' sennò sembro sfigata che sto lì ad aspettare i commenti e me lo dimentico, e non rispondo più. E la storia della blogger va a farsi fottere.

Ci pensavo qua, seduta sul divano dei miei dal pc di mio fratello: ho smesso di portare il mio pc quando vado dai miei, troppa fatica: mi porto l'hard-disk così se faccio o scarico cose me le porto a casa. Mi sono anche ricordata di non salvare la password su Chrome, i miei non sanno nemmeno cos'è un blog ma non si sa mai. Sono stata brava no? 5 anni di blog e nessuno che mi conosce sul serio che sia riuscito a scoprirlo.
Quindi sono qua, seduta sul divano dei miei dal pc di mio fratello. Con la maglia del pigiama e i pantaloni della tuta, ho dormito con i pantaloni della tuta perché non so come mi sono ricordata di portarmi la maglia del pigiama ma non i pantaloni, non lo so. Con un maglione di mia mamma perché non ho un maglione di quelli vecchi per quando ho freddo.
Mi sono portata la valigia praticamente, il cambio buono per Pasqua, la roba da mettere oggi per tornare a casa. Il beauty case me lo sono ricordato stavolta, così non ho dovuto rubare la crema viso a mia mamma e il fondotinta, che il suo per me è troppo scuro e se lo metto sembro una che si è lampadata male. Anzi, mi sono portata roba in più da lasciare qua: un deodorante, un mascara e un correttore che non uso, una bottiglia di liquido per le lenti a contatto. Tipo una safety bag per quando torno e resto a dormire, che poi dimentico sempre qualcosa. Questa volta per esempio ho dimenticato il cerotto che avrei dovuto cambiare ieri sera.

Ho fatto il bonifico dell'affitto.
Ho scritto una mail.
Ho aperto il sito di Mango 7 volte, guardando il carrello con quella giacca e quella camicia, l'ho richiuso perché tanto non ho soldi nella poste-pay. Poi mi è venuto in mente pay-pal ma ho deciso che me li compro quando avrò perso almeno 3 kg e allora ho chiuso tutto, per l'ottava volta.
Ho scaricato il mondo, come gli animali che vanno in letargo sto facendo scorta di film e telefilm per affrontare la lunga settimana senza adsl. Ho scaricato di nuovo anche alcune delle *mie* commedie romantiche, non so perché la tv nuova non me le legge, e sono di nuovo nel periodo in cui ne guardo almeno una al giorno. Sono di nuovo nel periodo in cui ho bisogno di vedere gente che ce la fa per pensare che anche io ce la posso fare.
Ho scritto un post che non ha senso, per fortuna c'è la categoria nonsense.

Cover per Samsung: non pervenute

Lo so che siamo persone inferiori.
Lo so che non meritiamo di lamentarci e soprattutto non in pubblico.
Lo so che dovremo nascondere la testa sotto la sabbia e passare il tempo a cercare di rimediare ai nostri errori.
Lo so che se siamo recidivi ci meritiamo la galera.

Eppure esistiamo anche noi. Noi, possessori di Samsung. Siamo pochi, sfigati, guardati male, piccoli e neri come Calimero, però anche noi vorremo dei vestitini per i nostri telefoni. Qualcosa che non sia quella specie di agendina rigida in pelle col coperchio che fa tanto direttore di banca in riunione.
Perché non posso avere una cover di gomma deficiente? Una cosa talmente pacchiana che mi faccia vergognare quando sono in giro e smettere di avere il telefono sempre in mano? Perché Moschino fai le cover a forma di orsetto solo per gli iPhone?

Ho esplorato Amazon e Etsy, ho gugolato ogni possibile combinazione di "kitch - samsung - plastic - case - soft". Su Google "kitch" me lo da come errore di "kitchen", su Amazon non esiste e l'unica cosa che ho trovato che assomiglia a quello che cerco è una cover a forma di pinguino per S3, su Etsy anche se scrivi Samsung escono cover per iPhone.

Niente.

Però ho trovato due belle cover su Etsy: disegno minimal e colori neutri, però in legno. Roba che quando lancio il telefono sul letto questo rimbalza e si spaccano sia il telefono che la cover.



Siamo coraggiosi, sempre

Siamo arrivati e ci accoglie questo tizio, alto, sui 35, molto easy, alto, jeans e maglione e sorrisone stampato, alto. Beh dico, beh. Beh dice anche il mio collega “Michela ma guardalo ma cosa pensi perché cioè, io non sono gay, però beh”. Arriva una collega sui 40-45, una con la maglia con le spalle tirate giù, non sapevo nemmeno che esistessero ancora le maglie così, e da sotto spunta una canottiera incrociata sulla schiena. Leopardata la canottiera. Con i jeans che le cadono sul culo. Con gli stivali da pioggia. Una di quelle che ti risponde solo in dialetto anche se le parli in italiano. Lo vede, inizia a dare gomitate alla sua collega. Sbarra gli occhi, gomitate. Tempo 5 minuti gli aveva chiesto il numero, e lui il numero gliel’ha dato.
Io lo guardavo, scambiavo due parole, una battuta, sorrisi imbarazzati.
Poi arriva lui, lui è un ragazzino – come me, sardo-milanese con accento mezzo piemontese. Capelli neri come solo un sardo può avere, pallido come un sardo non dovrebbe essere, occhi azzurri talmente azzurri che arrossivo solo perché mi guardava. Abbiamo parlato delle carote che arrivano con un minimo di 5 kg, 5 kg sono troppi per il nostro locale dice. Della strada per venire da Milano, 3 ore e mezza, cheppalle, ci siamo fermati due volte lì e lì, cheppalle. Mi ha raccontato dei carciofi con le spine che sono coltivati in Sardegna, e chi lo sapeva. Io con la mia camicetta a quadri, i capelli raccolti che mi dicono sempre che sto bene con i capelli raccolti ma io continuo a tenerli sempre sciolti e a raccoglierli ogni tanto solo per farmi fare i complimenti, l’eyeliner tutto dritto e uguale su tutti e due gli occhi, sono diventata sorprendentemente brava in poche settimane. Io non fatto niente, tutto quello che ho avuto sono stati due baci sulle guance prima di andare via. Però poi l'ho cercato su facebook. No non l'ho aggiunto.

“Sì ma non lo chiamo, figurati, ho due figli, non ho tempo per questo cose. Gliel’ho chiesto solo così, per giocare. Lo vuoi tu il numero? Chiamalo tu!” Sì che lo voglio, ma figurati, io, cosa vuoi che faccia.

S - La nave di Teseo

In effetti non avevamo dubbi che JJ Abrams fosse un genio.
Bastano 4 lettere: LOST. Se siete tra quel 0.99% di persone che non l’hanno ancora visto guardatelo, se siete tra lo 0.01% di quelli a cui non piaciuto 1. L’uscita è da quella parte, 2. Fatevi curare.
Dicevamo JJ Abrams.
Leggo che ha scritto un libro, una cosa strana e diversa dal solito dicono, beh ovvio, non possiamo mica aspettarci una cosa normale da lui. Vedo foto di un libro che sembra antico, leggo che c’è un mistero, che ci sono delle note a margine. Dico beh, fico.
Poi vedo il prezzo, e costa. Ma come mai costa così tanto, è solo un libro, non lo so, vendiamo. Dico beh, magari più avanti. E me lo dimentico.
Qualche tempo dopo lo compra la mia amica Fede. La mia amica Fede mi dice “Mic compralo, è fichissimo”, e io ho appena compiuto gli anni e ho i famosi tristissimi soldi de “tieni e il regalo te lo scegli da sola” e allora senza sensi di colpa lo compro e santo cielo, È FICHISSIMO.
Io non voglio dire niente di più, perché dire qualcosa in più - qualsiasi cosa, toglierebbe una puntina di stupore al momento in cui lo compri, arrivi a casa, lo apri.


Vabbè, mi sa che un post per parlarne in modo decente lo faccio.

Per adesso voglio solo dire: JJ Abrams è un genio.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...