I bambini si sa, non dicono le bugie

Ho riso molto l'altro giorno, quando mia madre ha tirato fuori quest'agendina piccola di 10 centimetri che usava tantitantitanti anni fa per annotare il ciclo ed era rimasta sul fondo di un cassetto. Credo che lei non avesse mai notato le mie incursioni e io di certo non me le ricordavo.
Come quando leggi il diario di un altro e ci trovi qualcosa su di te e realizzi che quelle cose sono vere, che lui/lei ha capito tutto. E lui/lei in questo caso sono io piccola: perché io ci voglio credere a queste cose, che i bambini non dicono le bugie.

Per prima cosa, mi ha fatto capire per l'ennesima volta che non sono capace di fare le foto a fuoco.

Mi ha fatto riscoprire che da piccola ero molto intelligente: sapevo quand'è il mio compleanno e non avevo problemi di autostima.

Poi l'ennesima prova che per molti anni mia cugina è stata la persona più importante della mia vita, e ora non si sa perché non lo è più.

Ho realizzato che l'abitudine di scrivere ogni cosa che faccio, anche se inutile, me la porto dietro da tanto tempo. E anche quella di annotare le cose che non esistono.

Ma soprattutto, ed è la cosa più importante tra queste, un grande insegnamento della vita, avevo già capito tutto di mio fratello.

29 commenti:

  1. Fortissimo ihihih :-)
    Baci,
    Manu

    RispondiElimina
  2. Se troverò un diario di mia sorella con scritto "Ale fa schifo", comunque, la tonfo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È diritto delle sorelle minori schifare i fratelli maggiori.

      Elimina
    2. Sacrosanto! Schifiamo tutti insieme i maggiori!

      Elimina
  3. Sto muorendo da ridere. E stavolta giuro che e vero.
    (Non c'è scritto niente su di me. Il Male sei, mia "bella Michela")

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che c'entri tu? Perché mai dovrei scrivere qualcosa su di te?

      Elimina
  4. Ahahah Diego fa schifo, sono morta dal ridere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io, anche mia madre! A mio fratello non l'ho ancora mostrato però :)

      Elimina
  5. E' una cosa meravigliosa!
    Concordo soprattutto su "Michela è bellissima"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da piccola ero gnocca eh, seriamente.

      Elimina
  6. Fortissimo! Io da piccola avevo un diario segreto del quale non avevo ben capito l'utilità, tant'è che tutte le sere scrivevo la stessa fradse: "Caro diario, oggi ho fatto i compiti e guardato la tv".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah beh si inizia così, e poi finisci a farti un blog.

      Elimina
  7. Ma... scusa... niente morosi?
    Il mio si chiamava Enzo. Era mio cugino.
    Accanto al suo nome c'era sempre un cuoricino. Un tempo ero molto tender.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sbocciata tardi, a quei tempi facevo la confidente. Anche adesso a dire il vero.

      Elimina
  8. ma che cosa carina! per i fratelli è così gli si ama e gli si odia xD

    RispondiElimina
  9. Anche io da piccina scrivevo ovunque, penso che mia madre si sia trovata più scarabocchi che tutto il resto nella sua borsa (:

    RispondiElimina
  10. Dopo aver letto questo post mi sono venuti gli occhi a cuore! Eri proprio avanti. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così bimbaminkia style ♥_♥

      Elimina
  11. Io sono sempre stata anticonvenzionale. Invece che sull'agendina scrivevo direttamente sui muri di casa. La mia camera ha conservato per anni: W Cristina DA vena.

    RispondiElimina
  12. Bellissimo!!! XD Anche io da piccola scrivevo sempre sulle angendine di mia madre...e una volta anche sulla lampada del suo comodino, ma questa è un'altra storia...! ;)

    RispondiElimina
  13. Oddio mi ha fatto morire dalle risate questo post... Io il giorno che mia sorella maggiore si è sposata avevo scritto sul mio diario di scuola "Luca (il all'epoca fidanzato e ora marito) è brutto e cattivo" Ahahaha Cose da bambini insomma :)
    Un bacio

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...