Quando ero giovane ero una finta alternativa

Alle medie non mi truccavo, leggevo Top Girl e ascoltavo Spice Girls e Take That. Passavo il tempo a invidiare l'Ilenia perché aveva già le tette e si piegava sempre in avanti per farle vedere attraverso la scollatura e a odiare la Celeste, l'unica persona in vita mia a cui abbia mai avuto il coraggio di dire in faccia "Sei antipatica" (e lo rivendico ancora oggi).

Alle superiori c'è stata la rivoluzione: leggevo Cosmopolitan che oh, è tutta un'altra galassia rispetto a Top Girl, con tutti i suoi "10 modi per farlo innamorare di te" e la moda da persone serie. Ascoltavo i Blink 182, quelli che hanno fatto il video dove correvano tutti ignudi, roba da vera dura. Madre mi aveva comprato la crema colorata e in più mi mettevo l'ombretto viola-lilla, perché la morosa di Alessandro mi aveva detto che il viola-lilla fa risaltare gli occhi verdi, e io ero mezza innamorata di Alessandro, quindi quello che diceva sua morosa era legge. Era un ombretto lucido, cremoso, dentro un'ape di Pupa (per forza).

E poi mettevo cose tipo questa:

Ce l'avevano tutti quelli fighi, ed era bello perché era l'unica cosa che costava poco in un negozio che vendeva roba che costava tanto. La mia divisa preferita: questa maglietta, pantaloni rosso fuoco (a zampa), cintura sottile con le borchie messa sui fianchi, fuori dai passanti dei pantaloni.
Mi ci sentivo parecchio figa così. Mi ricordo perfettamente che ero vestita così il giorno che ho limonato in bagno con Astolfo durante la lezione di tedesco (ho già raccontato questa storia).

Non è perché mi ricorda Astolfo - per carità - però a questa maglietta ci voglio bene, voglio bene al tatone indiano con la capoccia gigante e il pearcing al naso. Non posso più metterla perché è stata lavata talmente tante volte che ha una forma indefinita (il mio busto non è OVVIAMENTE più largo che alto) però non riesco a buttarla, e ad ogni cambio dell'armadio la tiro fuori, la guardo, mi perdo a ricordare un periodo in cui probabilmente stavo molto meglio di adesso e la rimetto lì.

Sono quelle cose che non puoi buttare: come la t-shirt degli esami della maturità anche se ha un buco, la prima cassetta delle Spice Girls anche se non ho più niente con cui ascoltarla, la bambolina alta 8 cm che mi ha regalato Fratello al mio primo compleanno.
Vorrei farci qualcosa: tagliare la facciona e attaccarla su un poster, su un'altra maglia, boh.
Poi però, correrei il rischio di pensare ad Astolfo ogni giorno.

29 commenti:

  1. Tu sei del 90 o dell'89?! bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dell'86, ma sempre 20enne nel cervello :)

      Elimina
    2. eh bè.. però sei dei miei anni! grandissima.. siamo IDENTICHE!

      Elimina
  2. Lovely post dear! Check my blog and follow me if you want! I`ll follow back!

    Fashionspot.ro

    RispondiElimina
  3. Senti qua: la mia divisa per quando mi sentivo figa era jeans un po' delavè (e UN PO' delavè per il 1998/9 significa FORTEMENTE A MACCHIE nel 2012), dolcevita bordeaux (collo alto? IO? aderente? IO?) e cinture a 3 FILE DI BORCHIE appoggiato sui fianchi ed infine anfibi neri con punta in ferro (e 5 cm di tacco, indeed).

    C'ho fatto tutta la 5a così.

    Quando ho scoperto che mia madre aveva dato via gli anfibi ho urlato talmente tanto che non è servito nemmeno il telefono per sentirmi da Milano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avevo gli stivaletti Adidas, che facevano parte della divisa da fighetto della discoteca dove andavo la domenica pomeriggio.
      Da portare con i pantaloni larghi infilati dentro, la cintura borchiata naturalmente, i più fighi osavano la visiera tipo quelle da tennis.

      Erano esattamente questi: http://desmond.imageshack.us/Himg217/scaled.php?server=217&filename=dscf1822ob0.jpg&res=medium

      Che brutto mondo.

      Elimina
    2. oddio orribili, Michela hahahaha

      Elimina
    3. A me non dispiacciono neanche oggi, avessi 17 le porterei, con gli skinny.

      Elimina
  4. Anche io conservo tutto...la mia "scatola dei ricordi dell'adolescenza" è enorme e non si chiude...ma ogni volta che la apro per togliere qualcosa e lasciare solo le cose più importanti, non riesco!!!

    RispondiElimina
  5. puoi tagliare un quadrato davanti e uno dietro e farci un bel cuscino...oppure lo puoi attaccare su una borsa in tela da shopping
    GG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace un sacco l'idea del cuscino!

      Elimina
  6. anche io ricordo quelle magliette!!!
    io la mia maglia feticcio, ora la uso come pijama....ieri sera mia mamma mi fa: è la volta buona che poi la butti via? ma assolutamente no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai buttare via queste cose! Io ogni tanto ci penso alle cose che ho buttato e di alcune mi dispiace proprio.
      Comunque sto leggendo il tuo blog - all'indietro, quindi in pratica non capisco un cazzo - e sto facendo un sacco di addominali a ridere :D

      Elimina
  7. mi hai ricordato gli stupendi anni del liceo quando giravo con delle scarpe che se ci penso ora vomito, un maglione sformato bianco e jeans strappati. oddio mi sono ricordato che un anno ho portato un cordoncino di velluto stretto al collo con una croce perchè andava di moda... orrore!!

    RispondiElimina
  8. dell'86 e finta alternativa? allora ti ricordi anche il fantastico giornale "carnaby street", la bibbia delle piccole punk! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carnaby Street!! Me lo ricordo! Aveva un'impaginazione e immagini che adesso mi farebbero venire le convulsioni.

      Elimina
  9. crema colorata? dimmi dimmi, che è?

    quelle magliette con i bambini coi piercing me le ricordoooooo **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm, solo una via di mezzo tra crema idratante e fondotinta.

      Elimina
    2. dai, ci siamo passate tutte, con la crema colorata della nivea, che si comprava al supermercato! era lo step che poi ti portava al fondotinta in profumeria...

      Elimina
    3. mai messa hahahaha

      Elimina
  10. Io ero fricchettona: specialmente d'estate vestivo largo, di lino e indiano. Borse coloratissime stile pakistano e sandali rigorosamente bassi ai piedi. Gonne da zingara e maglia (che ancora conservo, perché ci ho fatto la maturità e perché mi va ancora, anche se largheggiante) più bon ton, avvitata, rosso scuro come alcune parti della gonna da zingara e un fiocchetto blu scuro proprio davanti all'ombelico. Scollature mai, perché al contrario della tua amica io le tette le ho sempre avute ma me ne sono sempre vergognata: alle medie ho preso il brutto vizio che mi trascino dietro anche ora di camminare gobba per cercare di nasconderle. :)

    RispondiElimina
  11. Ho l'armadio pieno di roba che non metterò MAI più, ma ogni volta che mi metto lì per fare ordine finisce che passo il pomeriggio persa nei ricordi...

    RispondiElimina
  12. io mi ero fissata con un paio di jeans e li ho portati fino a che mi si sono disintegrati addosso, adesso riposano in un ancgolo buio dell'amadio.
    la mia divisa erano quei jeans, camicia a scacchi su canotta di pizzo nero (perché?), all star e ovviamente borchie in ogni dove.

    RispondiElimina
  13. oddio mi hai fatto ricordare certe mise... come la camicia in pile fuori dai jeans larghi.. aiuto!!!

    RispondiElimina
  14. Io la crema colorata della nivea la uso ancora oggi che ho passato i trent'anni...che poi, diciamolo, se non hai praticamente niente da coprire e nascondere è pure meglio del fondotinta. Ma che bel tuffo nel passato! Baci.

    RispondiElimina
  15. oddio per un attimo mi è sembrato di leggere della mia adolescenza!

    RispondiElimina
  16. Valerie propone: vuoi far parte di un Gruppo? passa da me! Bisè

    RispondiElimina
  17. anch'io leggevo Top Girl e mi piaceva un sacco!!!
    a pensarci però non ho lasciato niente dei tempi che furono! :(

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...